Principale > Erpete

Papilloma intra-duttale del seno - quando è necessario un intervento chirurgico e quando può essere trattato il trattamento?

Secondo le statistiche, ogni decima donna soffre di un papilloma al seno. Il tumore benigno sembra una piccola escrescenza papillare, che si sviluppa dall'epitelio e cresce nel lume del condotto del latte. Tali papillomi intra-flusso compaiono indipendentemente dall'età. Ai medici - i mammologi vengono trattati come ragazze molto giovani e donne di età matura nel periodo della menopausa. In mammologia, la frequenza di rilevazione dei papillomi è circa il 10% del numero totale di malattie del seno.

Gli specialisti chiamano tali formazioni di cistoadenoma papillare o cistoadenopapilloma. Possono essere singoli o multipli, e quest'ultima varietà è più spesso a rischio di malignità. Il principale pericolo di tali neoplasie è la possibilità della loro degenerazione in un tumore maligno.

Il papilloma del seno viene facilmente traumatizzato con la formazione di un fluido sanguigno che entra nei dotti escretori e poi viene rilasciato dal capezzolo. Nel campo dei processi infiammatori di neoplasie tumorali, sono possibili emorragie, necrosi che, in condizioni sfavorevoli, porta a gravi complicanze. Scopriamo come affrontare il papilloma intra-flusso, quali sintomi prestare attenzione e quali fattori contribuiscono alla sua formazione.

Papilloma mammario: come si sviluppa la malattia?

L'eziologia dello sviluppo intra-papillomavirus non è del tutto chiara, ma molti esperti ritengono che i principali fattori scatenanti siano lo squilibrio ormonale e l'impatto del papillomavirus umano (HPV). Considera la struttura delle ghiandole mammarie e cerca di capire come si formano i papillomi intra-flusso.

Le ghiandole mammarie in tutte le donne hanno una struttura identica. Sono costituiti da tessuto ghiandolare, circondato da tessuto adiposo. In questo caso, il tessuto ghiandolare mammario è diviso in segmenti più piccoli (lobi) con setti densi, tessuto connettivo.

Non ci sono più di 20 tali segmenti nella ghiandola mammaria. A sua volta, ogni azione è suddivisa in lobi più piccoli contenenti alveoli, necessari per la produzione di latte materno. All'interno dei piccoli lobuli passano i dotti, con una moltitudine di rami che conducono agli alveoli.

Gli alveoli e i dotti sono rivestiti all'interno dello strato epiteliale. È dalle cellule dell'epitelio che il germogliamento papillare cistico cresce all'interno dei dotti. Si trovano su un sottile gambo di fibre fibrose, attraverso le quali passano i vasi sanguigni.

Neoplasie simili sono abbastanza dense, di forma oblunga, con chiari confini. Nelle formazioni papillari, le lesioni si verificano in aree con ridotta circolazione del sangue e le secrezioni con una miscela di sangue possono essere secrete attraverso i dotti di scarico del capezzolo. Spesso i papillomi formano aree con necrosi, che minaccia lo sviluppo di pericolose complicanze.

Nelle ghiandole mammarie si possono formare tumori benigni in qualsiasi reparto, ma la posizione preferita per la loro localizzazione è la regione di areola (attorno al capezzolo) attraverso la quale passa il principale dotto escretore.

Cosa provoca la comparsa di papillomi?

Il principale fattore che causa la proliferazione del papilloma intracellulare della mammella è lo squilibrio ormonale. Le fluttuazioni del livello degli ormoni nel sangue possono causare le seguenti condizioni:

  • disfunzione delle ovaie;
  • annessite;
  • il periodo della pubertà;
  • la gravidanza;
  • ovaio policistico;
  • fattore di stress;
  • disordini metabolici, obesità;
  • aborti, aborti;
  • processi tumorali della sfera sessuale femminile (mioma uterino, coroionepithelioma);
  • il periodo della menopausa.

Per provocare lo sviluppo di papillomi nel seno può una malattia come la mastopatia fibrocistica. Con mastopatia nodulare o diffusa, i dotti lattiero-caseari si espandono, contribuendo alla crescita delle escrescenze papillari. Spesso la malattia si sviluppa a causa della predisposizione genetica.

Quindi, quando viene rilevato cistoadenopapilloma, nella maggior parte dei casi risulta che il parente più prossimo del paziente soffre di neoplasie benigne o maligne del seno.

Nel gruppo a rischio per lo sviluppo del papilloma intrapropatico sono donne nullipare o fumatrici. Le donne che hanno bambini e che allattano al seno, così come quelli che usano la contraccezione ormonale, hanno molte meno probabilità di essere colpite.

classificazione

A seconda del luogo di localizzazione e delle caratteristiche, gli specialisti distinguono i seguenti tipi di papillomi:

  1. I cistoadenomi papillari del seno possono apparire in qualsiasi parte del sistema di canali. Gli esperti identificano papillomi centrali, periferici e atipici nel sito di localizzazione.
  2. Intraduttale. Tali papillomi possono essere singoli o multipli e raggiungere una dimensione di 2 cm. I papillomi singoli sono piuttosto grandi e localizzati nella regione del capezzolo, e più papillomi si trovano alla periferia della ghiandola mammaria.
  3. Papillomi multipli. Sono i molteplici cistoadenomi intraprostatici che spesso sono maligni e fungono da stimolo per lo sviluppo del carcinoma mammario papillare.

I sintomi della malattia - foto

Nella fase iniziale della malattia è molto difficile determinare visivamente la presenza di papillomi intracellulari nella ghiandola mammaria. Piccoli papillomi possono essere presenti per lungo tempo nei condotti asintomaticamente, senza manifestarsi, ma in futuro, sotto l'influenza di fattori provocatori, il tumore aumenta di dimensioni e la donna segna i seguenti segni:

  • Aspetto dello scarico patologico dai capezzoli, che può essere scarso, moderato o abbondante. Le allocazioni sono trasparenti, biancastre o sanguinarie. In alcuni casi, acquisiscono un colore marrone o verdastro, a volte c'è del pus nel liquido separato, che indica lo sviluppo del processo infiammatorio.
  • Se il papilloma è danneggiato, si sviluppa spesso una reazione infiammatoria acuta, accompagnata da un aumento della temperatura, debolezza e un generale peggioramento del benessere. La pelle sopra la lesione diventa gonfia, arrossata e sotto di essa si può sentire una dolorosa densificazione.
  • Per sondare piccoli papillomas è impossibile, ma all'atto di un neoplasma solo grande nel condotto principale, può esser sentito a una palpazione nell'area di un'areola. Una donna può rilevare in modo indipendente un nodo arrotondato ed elastico che risponde dolorosamente alla pressione. Se un tale fascio viene schiacciato, dal capezzolo appare serous e scarico sanguinoso e la formazione diminuisce di dimensione. Nel processo infiammatorio secondario, il nodo diventa denso e i tessuti che lo circondano si gonfiano, dal capezzolo può apparire una secrezione purulenta.

Per il rilevamento tempestivo di neoplasie patologiche nella ghiandola mammaria, gli esperti raccomandano che le donne debbano sottoporsi a esami preventivi sul mammifero almeno una volta all'anno. Se i sospetti dello sviluppo del processo patologico nel torace possono essere trovati con una foto dei papillomi del seno, che vengono presentati sui siti su Internet, e confrontare i sintomi. In presenza di secrezione del capezzolo e rilevamento di strutture nodulari nel torace durante la palpazione, è necessario consultare immediatamente un medico e sottoporsi a un esame diagnostico.

Diagnosi del papilloma del seno

I sintomi del cistoadenoma papillare (secrezione dal capezzolo, comparsa di noduli) possono essere identici a manifestazioni di altre malattie infiammatorie del seno (ad es. Mastopatia). Per effettuare la diagnosi corretta, il medico non dovrebbe solo eseguire un'ispezione visiva e una palpazione, ma anche inviare il paziente all'esame utilizzando metodi hardware di alta precisione. I seguenti studi aiutano a rilevare i papillomi intracellulari:

  • ultrasuono (ultrasuoni) delle ghiandole mammarie. Permette di rilevare la presenza di neoplasie, la cui dimensione raggiunge i 5 mm. Il papilloma sullo schermo del monitor viene visualizzato come una formazione piena di contenuti spessi. La superficie del papilloma è irregolare, con numerose escrescenze. Molto spesso, tali formazioni si trovano nei condotti lattiero-caseari ingranditi. Il vantaggio del metodo a ultrasuoni è che consente di esaminare la struttura interna di qualsiasi accumulo e di distinguere la cisti dai contenuti liquidi dal nodo denso di papilloma. Inoltre, durante l'esame, è possibile scoprire le condizioni dei linfonodi che circondano la ghiandola mammaria.
  • mammografia. Questo è un metodo diagnostico a raggi X. Oltre agli ultrasuoni, aiuta a identificare le patologie tumorali delle ghiandole mammarie. Ma il metodo è piuttosto doloroso, poiché comporta la compressione del seno durante le riprese. Inoltre, nelle giovani donne con seni densi, il sondaggio può dare risultati errati. Pertanto, la mammografia viene più spesso prescritta ai pazienti dopo 40 anni.
  • MRI (Risonanza magnetica) è il metodo più sicuro e indolore che consente di identificare i papillomi nei dotti e di valutare la forma e le dimensioni delle neoplasie.
  • ductography (radiografia a contrasto di condotti). Il metodo più affidabile, che a differenza di ultrasuoni e mammografia non solo determina la presenza di accumulo, ma consente anche di esaminare il dotto lattiero-caseario dall'interno e valutare le sue condizioni. Durante la procedura, una sostanza radiopaca viene iniettata nel condotto principale, la cui uscita si trova sul capezzolo e scatta le immagini con l'aiuto di un catetere. La radiografia ottenuta consente di vedere i dotti in tutti i dettagli, per determinare la posizione esatta del tumore e il grado della sua oncogeneità. La procedura è considerata obbligatoria se il paziente ha una scarica dal capezzolo.

Inoltre, vengono utilizzati metodi diagnostici di laboratorio. Il paziente viene sottoposto a un esame del sangue per identificare i marcatori del cancro al seno ed esegue un esame citologico dello striscio con scarico dal capezzolo.

Trattamento del papilloma del seno

Il papilloma intra-duttale del seno è considerato una condizione precancerosa, quindi gli specialisti insistono sulle tattiche del trattamento chirurgico. Ma se i risultati di un accurato esame diagnostico confermano che il papilloma è benigno, è possibile utilizzare metodi conservativi di trattamento.

Metodi di trattamento conservativi

La terapia complessa consiste nella somministrazione di agenti antivirali e immunomodulanti, che rafforzano le difese del corpo. Poiché la principale causa della comparsa di papillomi è considerata uno squilibrio ormonale, il medico dovrebbe scegliere i farmaci per il paziente che normalizzano lo sfondo ormonale. Inoltre, il regime di trattamento comprende preparati omeopatici, sono prescritti complessi multivitaminici. Quando compaiono i sintomi dell'infiammazione, si raccomanda di assumere farmaci antibatterici per neutralizzare il focus dell'infezione.

I papillomi intra-flusso non scompaiono mai da soli, anche un trattamento complesso accuratamente selezionato non può contribuire alla loro eliminazione. Inoltre, tali neoplasie sono inclini a infiammazione e cambiamenti atipici indesiderabili. Pertanto, gli specialisti considerano l'intervento chirurgico come l'unico metodo di trattamento radicale e insistono sulla rimozione da parte dei papillomi.

Intervento operativo

Chirurgia per rimuovere il papilloma intracapsulare del seno viene eseguito con anestesia generale o anestesia locale. Se un singolo papilloma viene diagnosticato nel condotto principale e situato vicino al capezzolo, viene eseguita una resezione settoriale. In altre parole, ritagliare un piccolo pezzo di tessuto ghiandolare, nei cui condotti è una nuova crescita.

A questo scopo, viene eseguita un'incisione nella regione areolare, viene effettuata la resezione e quindi i condotti adiacenti vengono esaminati per la presenza di neoplasie e viene esaminata la loro condizione. Il taglio per la rimozione dei tessuti patologici è piccolo, che in futuro non influenza in alcun modo la forma e le dimensioni del seno. Pertanto, le donne non possono preoccuparsi, dopo l'operazione non dovranno ricorrere a un intervento di chirurgia plastica per ripristinare il seno.

Nella fase finale, il chirurgo applica una sutura cosmetica pulita, che consente di ottenere il massimo effetto estetico. Di conseguenza, dopo la guarigione, le cicatrici non rimangono e la cucitura diventa quasi invisibile.

Il periodo di recupero richiede in media una settimana in media, dopo la fine, le suture vengono rimosse e il paziente viene inviato a casa. Se il tumore si trova direttamente sul capezzolo, applicare metodi di rimozione più moderni e delicati. A tal fine, utilizzare la laserterapia o la coagulazione. Dopo aver rimosso tale papilloma, il periodo di recupero è molto breve e una donna può tornare presto al ritmo abituale della vita.

Dopo aver asportato il tumore, viene inviato per esame istologico per escludere la presenza di cellule tumorali. Se vengono confermati sospetti sullo sviluppo del processo oncologico, dopo l'intervento chirurgico al paziente viene prescritto un ciclo di radioterapia e chemioterapia.

Nei casi più gravi, quando viene rilevato un cancro papillare intra-flusso, viene eseguita una mastectomia, cioè la ghiandola mammaria viene completamente rimossa.

Periodo postoperatorio

Dopo l'operazione, il paziente viene trattato più volte al giorno con cuciture con soluzioni antisettiche e osserva la condizione della ferita. Se ci sono sintomi preoccupanti che indicano l'infezione e lo sviluppo del processo infiammatorio (secrezione dalla ferita, arrossamento e gonfiore della pelle, febbre), prescrivere un trattamento antibiotico e condurre ulteriori misure terapeutiche prescritte dal medico.

L'intervento chirurgico, purtroppo, non esclude la possibilità di ricorrenza e ri-formazione di papillomi all'interno dei dotti. Per evitare di sviluppare neoplasie in futuro, è necessario ripristinare l'equilibrio ormonale nel corpo di una donna. Per questo, il paziente deve sottoporsi senza problemi a un ciclo di terapia anti-ricaduta.

Dopo l'intervento chirurgico, una donna dovrebbe essere sotto la supervisione di un medico e assumere farmaci progettati per eliminare lo squilibrio ormonale. Inoltre, il medico può includere nel piano di trattamento farmaci antivirali che impediscono lo sviluppo di nuove formazioni. La rimozione del papilloma intra-flusso nella fase iniziale contribuirà ad evitare la ricaduta della malattia e ulteriori complicazioni. Dopo l'intervento chirurgico e l'esecuzione di resezione settoriale, la gravidanza procede senza patologie, dopo la nascita, una donna può allattare un bambino.

Molte donne hanno paura dell'intervento chirurgico sulla ghiandola mammaria. Ma queste sono paure senza fondamento, dal momento che l'operazione non è complicata, dura solo circa 30 minuti ed è caratterizzata da un rapido periodo di recupero. Dopo l'intervento, non ci saranno difetti estetici. La forma e le dimensioni del seno rimarranno le stesse e la sutura cosmetica dopo la guarigione diventerà completamente invisibile, come confermato dalle recensioni sul trattamento del papilloma del seno.

prevenzione

Per prevenire papillomi del cancro al seno, si raccomanda alle donne di sottoporsi a esami regolari su un mammifero (almeno una volta all'anno). Inoltre, una donna dovrebbe eseguire un autoesame mensile (palpazione) del seno, ogni mese, dopo la fine delle mestruazioni. Se vengono rilevati sigilli e noduli sospetti, è necessario consultare immediatamente un medico per un esame completo. Ulteriori misure preventive per prevenire lo sviluppo della malattia includono:

  • Individuazione tempestiva e trattamento delle malattie ginecologiche;
  • Eliminazione delle violazioni nel sistema genito-urinario;
  • Visita regolare al ginecologo (una volta ogni sei mesi);
  • Rifiuto da cattive abitudini (fumo, alcool).

La probabilità di sviluppare neoplasie riduce l'assunzione di contraccettivi ormonali, quindi chiedi al ginecologo di scegliere il farmaco giusto. I medici raccomandano di non abbandonare l'allattamento al seno, poiché la frequenza dello sviluppo del papilloma e di altri processi tumorali è significativamente ridotta nelle donne che hanno partorito un bambino e allattato al seno.

Dopo 35 anni, gli esperti consigliano regolarmente di sottoporsi a una mammografia e monitorare il background ormonale. Per fare questo, si dovrebbe fare un esame del sangue per gli ormoni, identificare possibili violazioni ed eliminarli con farmaci selezionati da un medico.

Feedback sul trattamento

Numero di riferimento 1

Tre mesi fa ho trovato uno scarico giallastro dal capezzolo e ho trovato un piccolo sigillo nel mio petto. Immediatamente sono andato a vedere un mammologo. Ho effettuato l'ispezione (mammografia) e si è scoperto che ho papilloma intraprostatico del seno. Non posso dire a parole quello che ho sentito, potrei dire, dire addio alla vita. Dopo tutto, questi papillomi sono una condizione precancerosa, devono essere rimossi immediatamente.

Avevo molta paura dell'operazione, ma sono caduto nelle mani fidate di un chirurgo esperto. Tutte le manipolazioni sono state fatte in anestesia locale, non c'era dolore, ma in seguito, già nel reparto, quando l'anestesia ha cominciato a ritirarsi, sono comparsi dei dolori gravi. Sono stati rimossi dagli anestetici. Dopo lo studio del tumore rimosso, si è scoperto che è benigno. Quindi, esorto tutti a non aver paura dell'operazione, non è stato così spaventoso.

Numero di riferimento 2

L'anno scorso ha rimosso i papillomi nella ghiandola mammaria. Prima dell'operazione ho superato i test necessari e fatto un doktografiyu, che ha confermato che c'è un tumore al petto. Il chirurgo ha detto che deve essere rimosso, altrimenti potrebbe trasformarsi in cancro.

Ha anche chiarito se ho intenzione di continuare l'allattamento al seno in seguito, si è scoperto che questo è importante. Non partirò più, quindi il dottore ha detto che i dotti possono essere rimossi "con un margine" per escludere la possibilità di ricadute. L'operazione ha richiesto solo 20 minuti, è andato tutto bene. Il giorno dopo sono stato dimesso. La sutura è guarita per circa una settimana. E ora è completamente invisibile e la forma del seno non ha sofferto affatto.

Papilloma intraprostatico pericoloso del seno

Il papilloma intra-duttale del seno (usato anche in medicina per il termine cistoadenopapilloma) può causare il cancro al seno.

Dettagli su quello che è, impariamo dall'articolo.

Scopriremo come curare e prevenire la malattia e comprendere le cause, i sintomi e i metodi di diagnosi.

  • Tutte le informazioni sul sito sono a scopo informativo e NON sono una guida all'azione!
  • Puoi mettere la DIAGNOSI PRECISA solo il DOTTORE!
  • Vi chiediamo gentilmente di NON prendere l'auto-medicazione, ma fissare un appuntamento con uno specialista!
  • Salute a te e ai tuoi cari!

Che cosa è

Il papilloma intra-flusso è una neoplasia benigna formata dal tessuto epiteliale dei dotti escretori del seno.

  • Di solito localizzato nell'area del capezzolo ad una profondità di almeno 5 cm, in dimensioni non supera i 2 cm.
  • La formazione di papilloma non dipende dall'età. La neoplasia può comparire in una ragazza giovane e in una donna adulta, ma viene diagnosticata più spesso nelle donne tra 35 e 55 anni.

Nel 10% dei casi provoca lo sviluppo del cancro.

La degenerazione più spesso maligna si verifica in presenza di papillomi multipli.

Foto: degenerazione in forma maligna

La struttura del papilloma del seno è una formazione cistica con escrescenze papillari.

  • Il corpo del papilloma è facilmente danneggiato.
  • In questo caso, il fluido sanguinante viene rilasciato prima nei condotti e quindi all'esterno attraverso il capezzolo.
  • Nel campo della neoplasia possono verificarsi emorragie, necrosi (necrosi) dei tessuti.

specie

In microbiologico 10 (classificazione internazionale delle malattie), il cistoadenopapilloma è classificato in due tipi.

  1. Cistoadenoma papillare è formato su qualsiasi parte del condotto (capezzolo, elementi strutturali lobulari-lobulari). Nel sito di localizzazione è classificato in centrale, periferico e areolare.
  2. intraduttalepapilloma - una crescita di pochi millimetri fino a 2 cm Le neoplasie sono singole, solitarie e multiple. Neoplasie solitarie si formano nella zona subareolare. Papillomi intraduttali multipli influenzano le regioni periferiche.

I papillomi intraprostatici multipli sono le neoplasie più pericolose, che spesso degenerano in carcinomi intracistici (carcinoma mammario papillare nella cisti) o carcinoma mammario intracellulare.

motivi

Il cuore della malattia è una violazione dell'equilibrio ormonale.

Le cause dello squilibrio ormonale sono le seguenti:

  • gravidanza e allattamento al seno;
  • il periodo della pubertà;
  • il periodo della menopausa;
  • infertilità;
  • malattie del sistema endocrino (diabete mellito, disturbi funzionali delle ghiandole surrenali, ipotiroidismo);
  • disfunzione delle ovaie;
  • sindrome dell'ovaio policistico;
  • annessite cronica;
  • sindrome adrenogenitale;
  • malattie oncologiche del sistema riproduttivo.

Fattori predisponenti di accadimento

I fattori che innescano la crescita del tumore nel dotto della ghiandola possono essere:

  • predisposizione genetica;
  • il fumo;
  • stress costante e stress emotivo;
  • l'obesità;
  • uso a lungo termine di contraccettivi ormonali;
  • intervento chirurgico (incluso l'aborto).

Anche le donne nullipare e non allattate al seno sono a rischio.

Il principale fattore predisponente per lo sviluppo di neoplasie nella mammella è la mastopatia nodale e diffusa.

La malattia è accompagnata dall'espansione dei singoli dotti escretori, in cui compaiono escrescenze di tessuto epiteliale.

sintomi

Scarica dal capezzolo (un seno!) - il segno principale della presenza di tumori nel condotto.

Foto: la presenza di scarico dal capezzolo

  • Il liquido può essere rilasciato in piccole o medie quantità. A volte ci sono abbondanti secrezioni.
  • Il colore del liquido da separare può essere chiaro, bianco latteo, con infiammazione purulenta - giallo, verdastro.
  • Le allocazioni con impurità di sangue sono colorate in rosa, rosso, marrone. Con il papilloma intraprostatico, la fuoriuscita di sangue appare nel 92% dei casi.

Se la lesione è danneggiata e l'infezione batterica secondaria è attaccata, si osservano i seguenti sintomi:

  • la debolezza;
  • aumento della temperatura corporea;
  • Edema locale, comprimendo le terminazioni nervose e causando sensazioni dolorose;
  • arrossamento e ispessimento del seno;
  • l'aspetto della secrezione purulenta (non sempre).

I segni clinici dello sviluppo di papillomi non sempre appaiono. Spesso un tumore al seno si trova in una donna durante un esame preventivo.

Video: "Segni non standard di cancro al seno"

Diagnosi del papilloma del seno

Le prime misure diagnostiche sono l'esame visivo e la palpazione.

Le grandi neoplasie nel condotto centrale sono determinate dal tocco. Anche a palpazione è possibile scoprire la formazione sciolta della forma arrotondata su un'aureola.

Quando si preme su un nodulo, si nota la tenerezza. Una compressione più forte risulta nello scarico delle gocce di sangue dal capezzolo. Allo stesso tempo, la dimensione del tumore diminuisce.

Dopo un'ispezione visiva, vengono effettuati esami per la diagnosi differenziale.

Questi sono:

  1. mammografia (esame radiografico del seno);
  2. esame ecografico;
  3. imaging a risonanza magnetica;
  4. duttografia (radiografia a contrasto dei dotti lattiferi);
  5. un esame del sangue per i marcatori del cancro al seno;
  6. esame citologico dello scarico dal capezzolo.

Il contenuto patologico rilasciato dalla ghiandola non dovrebbe essere espresso alla vigilia degli esami.

  • La presenza di papillomi è indicata da cellule papillari e sangue rilevato nello striscio durante un esame citologico.
  • Con l'aiuto degli ultrasuoni, viene determinata la natura della neoplasia (è possibile distinguere il tessuto denso dalla cisti con contenuto liquido), la posizione del papilloma e la condizione dei linfonodi vicini.
  • La mammografia e la scansione ad ultrasuoni possono rilevare la patologia tumorale del seno. A volte basta un solo esame (ecografia o mammografia). In altri casi, vengono utilizzati entrambi i metodi, che si completano a vicenda.
  • La radiografia a contrasto (a differenza della mammografia e degli ultrasuoni) consente di esaminare il condotto dall'interno. Fornisce una localizzazione precisa non solo, ma anche il numero e la dimensione dei tumori.

Foto: ultrasuoni

I restanti metodi sono usati per escludere altre malattie del seno (galattorrea, tumore maligno).

trattamento

Il papilloma intra-flusso si risolve raramente spontaneamente.

Il trattamento del problema è necessario per prevenire l'infiammazione e la trasformazione del tessuto in una forma maligna.

  • Il principale metodo di trattamento del papilloma è la rimozione chirurgica.
  • La terapia conservativa è spesso usata per prevenire le ricadute.

In quale periodo dell'anno è meglio rimuovere i papillomi? Leggi qui

Il trattamento conservativo include quanto segue:

  • farmaci che correggono i processi patologici iperplastici nei tessuti del seno (capsule indinolo);
  • farmaci immunomodulatori e antinfiammatori (compresse vobenzim);
  • omeopatia (ciclodinone in gocce o compresse);
  • complessi vitaminici, contenenti necessariamente vitamine A, E, C;
  • antibiotici (alla presenza di un processo incendiario).

Lo sviluppo del neoplasma è considerato una condizione precancerosa, quindi il trattamento con i rimedi popolari è inaccettabile.

I metodi non tradizionali in questo caso sono impotenti.

rimozione

L'operazione è il principale metodo di trattamento del papilloma intra-flusso.

Il metodo di rimozione è determinato dal chirurgo dopo uno studio dettagliato dei risultati degli esami.

Foto: resezione settoriale

Tipicamente, viene eseguita una resezione settoriale - asportazione del sito della ghiandola mammaria.

  • L'operazione di rimozione viene eseguita in anestesia generale per via endovenosa, raramente in anestesia locale.
  • Prima della rimozione diretta, il chirurgo taglia il bordo dell'areola in modo che la forma del seno non si deformi.
  • La parte ingrandita e alterata del condotto viene rimossa insieme al neoplasma e ai coaguli di sangue situati all'interno.
  • La ferita è sovrapposta a suture cosmetiche, che vengono rimosse una settimana dopo l'intervento.
  • La rimozione del build-up che è apparso sul capezzolo viene effettuata con metodi sparing: elettrocoagulazione, esposizione laser.

La resezione settoriale viene solitamente eseguita con un singolo papilloma.

Se le neoplasie sono multiple, localizzate nei dotti escretori periferici, il chirurgo può prescrivere la rimozione del seno.

Per 3 anni dopo l'operazione, il papilloma può formarsi di nuovo. Questo non è dovuto alle azioni scorrette del chirurgo.

Le ricadute sono causate dal fatto che l'operazione rimuove il papilloma, ma i motivi che ne hanno causato lo sviluppo rimangono.

Foto: analisi istologica

Dopo l'operazione, viene eseguito un esame istologico della neoplasia.

  • Quando viene rilevata una degenerazione maligna dei tessuti, vengono prescritti chemioterapia e radioterapia.
  • Se viene diagnosticata una forma papillare intraprendente di cancro, viene indicata solo la rimozione chirurgica della ghiandola mammaria.
  • La mastectomia può essere eseguita con rimozione completa del tessuto muscolare e dei linfonodi o con la conservazione dei muscoli pettorali.

costo del

Il prezzo del trattamento include il costo di consultare un mammologo, esami diagnostici e test, l'operazione stessa.

Quanto (in rubli) approssimativamente il costo del trattamento può essere calcolato in base ai dati nella tabella:

Papilloma intra-flusso della ghiandola mammaria e modi del suo trattamento

Il papilloma intra-duttale della ghiandola mammaria è una neoplasia benigna localizzata in qualsiasi parte del dotto delle ghiandole mammarie (periferica, alveolare, centrale). La formazione di tumori papillari (cystadene) nelle donne si verifica a causa della crescita dell'epitelio. Di grande importanza è la rilevazione tempestiva del papilloma nel dotto mammario e la sua rimozione, poiché è possibile la degenerazione maligna della formazione. Maggiori informazioni su sintomi, diagnosi, trattamento e prevenzione della papillomatosi mammaria.

cause di

La comparsa di neoplasie intraduttali singole o multiple è il risultato dell'infezione con il papillomavirus umano. Di norma, non provoca lo sviluppo di malattie gravi in ​​condizioni di buona immunità. Il papilloma proteico nelle donne si manifesta sullo sfondo dei cambiamenti ormonali che avvengono nell'organismo a causa di condizioni naturali (pubertà, gravidanza) oa causa di farmaci, uno stile di vita scorretto. Fattori di rischio in cui si possono formare escrescenze:

  • Gravidanza e allattamento;
  • aborto;
  • Intervento chirurgico;
  • Maturazione sessuale;
  • Cisti multiple nelle ovaie;
  • aborto spontaneo;
  • Il periodo climaterico;
  • Processi infiammatori nelle appendici dell'utero;
  • l'obesità;
  • Ricezione di pillole contraccettive;
  • Mastopatia di natura nodulare e diffusa;
  • Fumo, alcol;
  • Stati di stress;
  • Eredità.

Le formazioni patologiche nelle ghiandole mammarie non sono associate con l'età, possono essere identificate come le fidanzate e le donne in età avanzata. Non è raro diagnosticare papillomi in pazienti con infertilità, disturbi endocrini, infiammazione del sistema urogenitale. Dopo l'allattamento al seno, così come in assenza di cattive abitudini, si riduce il rischio di patologia.

sintomi

La localizzazione dell'educazione si trova nel petto da un lato. Il segno principale della presenza di papilloma nel dotto sono le secrezioni. Quando si preme sul capezzolo, un liquido appare di consistenza densa o liquida, per essere trasparente o giallastro con una miscela di sangue. Segreto sanguinoso viene assegnato perché i vasi che circondano il tessuto del papilloma nella ghiandola mammaria sono feriti dalla palpazione. Non c'è grave emorragia da cistoadenoma. L'isolamento del fluido con i coaguli di pus indica l'infezione.

Se il papilloma si forma nei condotti nell'area dell'areola del capezzolo, mentre si esaminano le dita di questo sito, una donna può sondare un piccolo nodo. All'inizio del processo infiammatorio compaiono i seguenti sintomi di papilloma intraprostatico della mammella:

  • tenerezza al seno, densità;
  • un cambiamento nel tipo di ghiandole mammarie - la comparsa di edema, arrossamento;
  • aumento della temperatura;
  • debolezza.

Per evitare sensazioni spiacevoli e altre conseguenze negative degli escrescenze nella ghiandola mammaria, è necessario conoscere il sintomo più importante dei papillomi e delle loro varietà. Guarda il video online, che elenca i principali segni clinici della neoplasia e fornisce importanti informazioni sui possibili esiti della malattia.

diagnostica

La diagnosi di papilloma intraprostatico della mammella inizia con un esame medico: una valutazione esterna delle ghiandole mammarie e l'esame delle dita, in cui lo specialista scopre un piccolo nodo di piccolo diametro. Eccezionalmente, un esame esterno del mammifero non consente di effettuare una diagnosi, pertanto vengono eseguite ulteriori procedure diagnostiche per chiarirlo. È richiesto un esame del sangue per rilevare i marcatori tumorali. Vengono utilizzati vari metodi di diagnostica del seno:

  1. Ultrasuono del seno. L'esame visivo aiuta ad esaminare le zone del tessuto profondo del seno e a rilevare i papillomi, la cui forma caratteristica consente loro di differenziarli da altri tumori.
  2. MR. La risonanza magnetica è uno dei modi più sicuri per valutare il tipo e la dimensione delle escrescenze.
  3. Mammografia. L'esame radiologico è prescritto alle donne dopo i quarant'anni, poiché le ghiandole mammarie non hanno una densità così alta.
  4. Ductography. Lo studio prevede l'introduzione di mezzi di contrasto nei dotti. La misura diagnostica ha il valore informativo più alto, rivela le interruzioni del condotto, la costrizione, l'espansione.
  5. Esame citologico delle secrezioni L'analisi della citologia consente di rilevare un cambiamento nel livello di eritrociti, che indica la presenza di neoplasia intracellulare.
  6. Istologia. L'esame istologico dei tessuti consente di rivelare il danno tissutale oncologico, la necrosi e altre patologie.

trattamento

Il trattamento del papilloma intraprostatico della ghiandola mammaria in quasi il 100% dei casi comporta la rimozione di neoplasia con l'aiuto dell'intervento chirurgico. Indipendentemente le crescite si verificano in singoli episodi e questo non è spiegato da farmaci o altre terapie. Pertanto, il trattamento senza chirurgia non viene effettuato a causa della sua inefficacia. Quando viene diagnosticato il papilloma intraprostatico (il codice è in μb 10-24), alla donna viene prescritto un appuntamento da chirurgo. Se la dimensione del papilloma è di diversi millimetri, non c'è infiammazione, l'operazione non dovrebbe essere necessariamente immediata.

I papillomi intraprostatici identificati durante la gravidanza vengono rimossi dopo la nascita di un bambino. Nel caso di un'alta probabilità di sviluppare il cancro, è consigliabile trattare i papillomi durante la gestazione fetale. Insieme all'intervento chirurgico, viene prescritto un trattamento conservativo.

Chirurgia per rimuovere il neoplasma

L'operazione per rimuovere il papilloma intraluminale è l'escissione chirurgica della escrescenza. Durante la procedura, in anestesia locale o generale, viene eseguita una resezione settoriale, cioè lo specialista effettua un taglio lungo il cerchio areola. Questo ti permette di accedere ai condotti che si trovano nelle ghiandole mammarie. L'operazione con papilloma intraluminale comporta la rimozione di tumori papillari e coaguli di sangue, che sono causati da traumi dei tessuti e si trovano accanto a loro.

Possibile escissione del tumore epiteliale con apparecchiature laser o elettrocoagulanti. I tessuti asportati vengono inviati per esame istologico per escludere l'oncologia. Dopo l'operazione, può verificarsi un ematoma, che si risolve entro un mese.

Quanto costa operare? Nelle cliniche, i prezzi per l'operazione variano, dipendono dalla qualità delle attrezzature, dall'esperienza dei medici, dalle droghe utilizzate, dalla complessità dell'escissione. Il costo medio della resezione è di 15.000-30000 rubli.

Che tipo di anestesia viene rimosso dal papilloma intraprostatico? La scelta dipende dalla quantità di papillomi, dalla loro dimensione e dal grado di lesione. Singole piccole formazioni vengono rimosse in anestesia locale, grande o multipla - in generale.

Terapia farmacologica

La terapia conservativa con farmaci viene utilizzata insieme all'intervento chirurgico. Include l'assunzione di vitamine, farmaci immunomodulatori ("Vobenzin"), agenti antivirali. Alcune donne possono richiedere la nomina di un trattamento ormonale con tali farmaci come "Novinet", "regulon", "sagoma", appartenenti al gruppo dei contraccettivi. Per la terapia locale, è possibile utilizzare una varietà di gel e unguenti, ad esempio "Progestogel".

Trattamento con rimedi popolari

Non usare il trattamento con i rimedi popolari come unico modo per far fronte alla malattia, dal momento che esiste un'alta probabilità di trasformare le cellule papillari in cellule cancerose - la malignità. Dato che la causa della formazione della formazione sono problemi con il sistema immunitario, per scopi preventivi, è possibile preparare agenti che migliorano l'immunità per combattere la nuova comparsa di papillomi. È anche accettabile utilizzare ricette popolari per applicazione topica. Cosa preparare per la terapia con papilloma:

  • Infusione per migliorare l'immunità. Mezzo limone con la buccia grattugiata, mescolare con mezzo bicchiere di vino rosso riscaldato, aggiungere il succo di mela (mezzo bicchiere). Lascia che faccia. Spremere 2 spicchi d'aglio, versare l'infuso di vino, lasciare per 3 ore. Una miscela filtrata viene bevuta una volta al giorno.
  • Comprimi per la rimozione di infiammazione. 200 grammi di barbabietola grattugiata, scaldare a bagnomaria, riempire con aceto al 9% (2 cucchiai grandi). Mescolare con 70 grammi di miele. Metti la miscela sul petto, avvolgila. Corso - 10 giorni.

Prevenzione della patologia

La principale misura preventiva per prevenire la comparsa di papillomi intracellulari è un'attenta attenzione alle condizioni del seno. Per questo è necessario almeno una volta all'anno visitare un mammologo per controllare le ghiandole mammarie, fare da soli la palpazione. È importante mantenere una dieta equilibrata, esercizio fisico, per mantenere l'immunità. E anche per controllare lo scarico - se questo sintomo è presente, si dovrebbe consultare immediatamente un medico. L'autoesame viene eseguito non prima di 7-8 giorni del ciclo e assume una certa sequenza di azioni:

  1. Con le mani in giù e una postura uniforme, valuta visivamente le condizioni delle ghiandole mammarie.
  2. Alza le mani, analizza la forma del seno e il suo aspetto in questa posizione.
  3. Punto, medio, anulare in senso orario per camminare lungo il petto con una leggera pressione. Inizia questa sensazione dall'alto, dal quarto esterno del petto.
  4. Spremi il capezzolo per controllare se c'è una scarica.
  5. Fai una palpazione del torace sdraiato sulla schiena.
  6. Valutare la dimensione e la sensibilità dei linfonodi nell'area ascella.

Recensioni dei pazienti

Ирина, 25 anni: "Dopo la nascita del bambino, è stata trovata una formazione papillare nella ghiandola mammaria destra e sono comparse le perdite di sangue. Ho immediatamente smesso di allattare con papilloma intraprostatico su consiglio di un medico, ma non ho osato fare una resezione per un lungo periodo. Poi ho letto le risposte delle donne che hanno avuto un intervento chirurgico postoperatorio sul forum e sono andato da lei. Le protuberanze toraciche non sono state danneggiate e dopo il recupero fino a un anno ho già nutrito il bambino con entrambi. "

Anastasia, 37 anni: "Sono stato operato per asportare il papilloma nella clinica" K + 31 "a Mosca. Nella fase di riabilitazione, si sentiva dolore al petto, ematoma apparso, escrezioni continuato. Il chirurgo ha detto che è normale, ha prescritto unguenti speciali. Dopo di loro, è diventato molto più facile, l'edema è scomparso, e le suture cosmetiche non erano evidenti e non ci ricordavano affatto la malattia. "

Diana, 32 anni: "L'anno scorso, papilloma intraprostatico è stato diagnosticato dopo la gravidanza. La resezione è stata nominata quasi immediatamente. L'operazione durò non più di 30 minuti, nessuna sensazione dolorosa dopo era. Ero interessato al dottore, se è possibile prendere Regulon, si è scoperto che aiuta a ripristinare lo sfondo ormonale e agisce come prevenzione ".

Papilloma intra-flusso del seno, tipi, diagnosi e trattamento

Lo scarico dal capezzolo e il dolore al petto non sono necessariamente segni di cancro. Sintomi simili sono tipici delle malattie associate a lesioni benigne nei tessuti del seno. Tra questi - papilloma intraprotettivo. A causa delle sue caratteristiche, è diagnosticato nella fase in cui può essere trattato o rimosso, mantenendo il seno. Notando eventuali cambiamenti esterni o sensazioni insolite nelle ghiandole mammarie, una donna dovrebbe sottoporsi a un sondaggio per scoprire la natura della malattia. Per la diagnosi precoce, gli esami preventivi sono di grande importanza.

Qual è la malattia?

I papillomi intra-flusso sono formazioni benigne nei dotti mammari della ghiandola. Sembrano crescite sulla superficie interna dei condotti e sono costituiti da cavità cistiche piene di liquido. Questa malattia è una forma di mastopatia nodale. È formato nelle aree delle dilatazioni dei dotti del latte che compaiono durante la mastopatia. I papillomi possono comparire sia in un seno, sia in entrambi.

Video: cos'è il papilloma duttale del seno, i fattori di rischio e il trattamento della malattia

Cause della malattia

La causa principale dei papillomi intracellulari della mammella sono i disturbi ormonali nel corpo. La malattia si verifica sia nelle ragazze che hanno raggiunto la pubertà, sia nelle donne durante la menopausa. La malattia può essere ereditaria. È più comune nelle donne nullipare di età matura. Dopo 40 anni in donne di qualsiasi categoria aumenta la probabilità di apparire.

Provoke la comparsa di fattori papillomas che contribuiscono alla comparsa di squilibrio ormonale:

  • malattie infiammatorie delle ovaie e appendici uterine;
  • malattie delle ghiandole endocrine;
  • aborto;
  • rifiuto dell'allattamento al seno;
  • l'obesità;
  • trattamento con farmaci ormonali o abuso di contraccettivi ormonali;
  • il fumo;
  • lo stress.

Sintomi e segni della malattia

Uno dei sintomi caratteristici della malattia è la comparsa di scarico dai capezzoli, la cui intensità aumenta quando il torace viene schiacciato. Lo scarico trasparente può essere incolore o avere diverse sfumature. La scarica rossastra appare a causa di una violazione della struttura dei vasi sanguigni nella regione del tumore. Se l'infiammazione si verifica nell'area del papilloma, il colore dello scarico diventa giallo o verdastro. Un altro sintomo è il dolore mentre si tocca la ghiandola o la spremitura.

All'interno del papilloma ricorda una verruca morbida sul gambo. La sua torsione provoca danni, l'ingresso di sangue nei condotti e la necrosi dei tessuti. Le dimensioni del papilloma vanno da 2 mm a 2 cm. A volte si possono tentare grandi papillomi. C'è un leggero aumento del seno a causa del gonfiore che si verifica con l'infiammazione dei tessuti nel papilloma.

Classificazione dei papillomi intra-flusso

La struttura distingue i tumori papillari solitari (singoli), localizzati solitamente più vicini ai capezzoli, e multipli, localizzati più spesso nella zona periferica della ghiandola. Tali formazioni spesso degenerano, acquisiscono un carattere maligno.

Nei papillomi si possono trovare cellule atipiche che hanno una struttura, dimensioni e forma insolite. La presenza di tali cellule aumenta la probabilità di degenerazione del tumore.

Video: tipi di papillomi intra-flusso, metodi diagnostici

Diagnosi della malattia

Il papilloma intra-duttale della mammella può essere rilevato a volte già con l'esame esterno e la palpazione. Per una diagnosi accurata della malattia, viene eseguito un esame mammologico.

Metodi diagnostici di laboratorio

Esame citologico I segni esterni della malattia sono simili ai sintomi del cancro, quindi per determinare la natura del tumore, è necessario studiare il fluido che emerge dal capezzolo. A tale scopo, viene utilizzato uno striscio per rilevare le cellule atipiche.

Esame del sangue per i consumatori. Viene eseguito un esame del sangue per rilevare i marcatori del cancro al seno.

biopsia dell'area interessata, viene eseguito un esame istologico del suo tessuto per chiarire la natura delle neoplasie nei dotti.

Metodi diagnostici strumentali

mammografia - Radiografia delle ghiandole mammarie, consente di rilevare il sito della lesione, la sua dimensione e localizzazione.

ductography differisce dalla mammografia in quanto viene utilizzato un mezzo di contrasto che riempie i dotti galattofori. Ciò consente di determinare con maggiore precisione la dimensione del papilloma, il suo tipo, la posizione rispetto ai tessuti vicini. È particolarmente importante sapere se è pianificata un'operazione per rimuoverlo. Prima di condurre tale indagine è vietato massaggiare il seno, esprimere essudati, spremere la ghiandola, dal papilloma facilmente feriti, l'immagine risultante potrebbe essere impreciso.

Ultrasuoni e risonanza magnetica aiutare a determinare la natura del tumore, distinguere il papilloma dal cancro al seno.

Video: metodi per diagnosticare le malattie del seno

Trattamento della malattia

Il papilloma intra-duttale della ghiandola mammaria viene trattato in due modi: conservativo e chirurgico. Il metodo chirurgico è usato più spesso, poiché la probabilità di una degenerazione maligna della neoplasia è alta. Il metodo conservativo è usato se il papilloma è di piccole dimensioni, solitario, la donna non ha predisposizione alle malattie oncologiche.

Trattamento conservativo

Durante e dopo il trattamento, il papilloma viene costantemente monitorato per prevenire la sua crescita e degenerazione. Se il trattamento non aiuta, vi è un aumento dell'istruzione, si verifica un'infiammazione, la natura della scarica dal capezzolo cambia, questo diventa un'indicazione per un'operazione chirurgica.

Il trattamento conservativo viene effettuato utilizzando immunomodulatori (sostanze che regolano il sistema immunitario), antiossidanti, vitamine, antitumorali e farmaci antivirali.

Trattamento chirurgico

L'operazione per rimuovere la neoplasia viene eseguita in anestesia endovenosa. È effettuato fondamentalmente da due metodi, permettendo di evitare la rimozione di un petto.

Resezione settoriale. Il metodo viene utilizzato per rimuovere il papilloma periferico del seno. Una piccola incisione viene utilizzata per rimuovere il settore interessato della ghiandola. In questo caso, puoi mantenere la forma e le dimensioni del seno e del capezzolo.

La mammoplastica ti permette di fare punti precisi, in cui non ci sono cicatrici.

La mastectomia viene utilizzata per rilevare le cellule atipiche e tumorali. Rimuovere l'area interessata e i tessuti circostanti. L'intero seno non viene rimosso.

Dopo l'operazione, la donna dovrebbe essere sotto la supervisione di un mammologo per prevenire le ricadute. È prescritto un trattamento conservativo di supporto.

Nota: Il papilloma intra-duttale del seno, così come altre malattie del seno femminile, possono essere rilevati mediante autodiagnosi e regolari esami preventivi presso il mammifero. Un ruolo importante nella prevenzione delle malattie è il trattamento tempestivo delle malattie endocrine e ginecologiche.

Le ragioni per lo sviluppo del papilloma intra-cellulare del seno, l'operazione per rimuoverlo

Formazioni patologiche nei dotti delle ghiandole mammarie sono incluse nel gruppo di malattie ad alto rischio oncologico, che richiedono una rilevazione tempestiva. Questi includono il papilloma intraprostatico della mammella o il cistoadenopapilloma, la cui principale manifestazione clinica è la secrezione patologica dal capezzolo.

La sua diagnosi è associata a difficoltà significative dovute a dimensioni ridotte e bassa sensibilità ai metodi di screening come la mammografia a raggi X e l'esame ecografico. Allo stesso tempo, in media il 7% dei casi è leggero e il 13% di sanguinamento dai capezzoli è associato al cancro al seno.

Il concetto di patologia e i suoi tipi

La ghiandola toracica è costituita da lobuli separati da setti di tessuto connettivo denso con cellule adipose. La sua base strutturale è rappresentata da un'unità dolly-flow. I lobi sono formati dagli acini (alveoli o vescicole). All'interno passa un condotto che dà molti rami agli alveoli.

I dotti e gli alveoli sono rivestiti con due strati cellulari: quello esterno, costituito da cellule muscolo-epiteliali e disteso sulla membrana basale, e lo strato epiteliale interno. Lo strato interno di grandi condotti consiste di cellule epiteliali cilindriche, e in piccoli dotti e in acini - da cellule epiteliali cubiche.

Da questo epitelio, i papillomi si formano nei dotti della ghiandola mammaria, formando una formazione cistica con crescita papillare all'interno. Questi ultimi sono situati su una gamba di fibre fibrose, in cui passano le navi. Queste neoplasie sono dense, hanno una forma arrotondata, confini chiari e dimensioni di diametro da 3 mm a diversi centimetri. Quando viene tagliato, il contenuto interno di una tale cisti è talvolta simile al cavolfiore. Nelle formazioni papillari sono possibili aree con disturbi circolatori che portano a emorragie e necrosi.

Il papilloma stesso è ricoperto da cellule epiteliali e musculoepiteliali. Spesso, mostra un epitelio ghiandolare modificato, che è diventato simile all'epitelio delle ghiandole apocrine (epitelio apocrino).

All'interno del sistema intracellulare delle ghiandole mammarie, questi tumori si possono formare in qualsiasi reparto, a partire dal capezzolo e termina con le unità terminali del protocollo lobulare. Le neoplasie possono essere singole e multiple. A seconda della loro posizione in relazione alla zona areolare e al condotto principale del latte, si distinguono le seguenti specie.

centrale

Costituisce il 10% di tutte le ghiandole mammarie di un carattere benigno. Il papilloma duttale centrale è una singola formazione che non tende alla malignità, ma le cellule tumorali possono svilupparsi sullo sfondo. Di regola, è grande e viene rilevato più spesso tra le donne di età media - 40-50 anni. La sua solita localizzazione è un grosso condotto cisticamente dilatato nella zona subareolare.

Con una grande dimensione della formazione, un esame istologico rivela in esso un protocollo e un componente papillare (papillare). Per la prima crescita eccessiva caratteristica casualmente disposti myshechnoepitelialnyh e cellule epiteliali, e altre porzioni apokrinizatsii metaplasia (trasformazione) di cellule epiteliali all'acquisizione di somiglianza con le cellule cartilaginee ed ossee e processi infiammatori-infiltranti.

La componente papillare è rappresentata da un piede fibro-muscolare coperto da un epitelio a due strati. Formazioni con una predominanza del componente del protocollo e processi sclerosanti sono chiamati "papillomi sclerosanti". Difficoltà speciali nella diagnosi morfologica differenziale con il cancro causano formazioni benigne con l'imitazione della microinvasione (introduzione di cellule) nel tessuto sottostante.

periferica

Cistoadenopapillomi delle parti periferiche dell'organo, di regola, sono plurali e, a differenza delle specie precedenti, si sviluppano nelle donne più giovani. Tendono a malignità. La loro struttura morfologica non è diversa dalle formazioni di localizzazione centrale.

atipico

In una forma separata, per l'importanza in termini di prognosi, isolato papilloma duttale atipica. Sullo sfondo di tale invasivo papilloma (che penetra al di là del lobulo o condotto), il cancro si verifica molto più frequentemente rispetto alle versioni precedenti. Istologicamente, questa forma è caratterizzata da multi-fila atipia cellule epiteliali, la presenza di aree dense necrosi limitato possono verificarsi anche piccole zone di cellule tumorali a basso grado senza spostarli ad altri servizi ( "in situ" - "sul posto").

Le cause della formazione di papilloma intracapsulare della ghiandola mammaria

I cistoadenapillomi si formano più spesso in dotti dilatati sullo sfondo della malattia fibrocistica diffusa o nodulare. La ragione principale per il loro verificarsi è, principalmente, lo squilibrio ormonale nel corpo di una donna. Può essere provocato:

  • una violazione della funzione ormonale delle ovaie;
  • miomi uterini, processi infiammatori nell'endometrio e appendici uterine;
  • interventi chirurgici su organi genitali interni, aborto artificiale della gravidanza;
  • assenza di parto e allattamento al seno;
  • condizioni di stress;
  • periodi di pubertà, gravidanza, menopausa e uso di farmaci ormonali sostitutivi;
  • predisposizione familiare;
  • fumo e abuso di alcool durante l'adolescenza;
  • una violazione del metabolismo dei grassi (eccesso di peso corporeo);
  • tumori ormonogeni e disfunzione tiroidea.

Segni clinici e diagnostica

Scarica dal capezzolo con papilloma intraprostatico della ghiandola mammaria

I tumori di piccole dimensioni della disposizione periferica di solito procedono in modo asintomatico.

I principali sintomi del papilloma intra-duttale della ghiandola mammaria di localizzazione centrale sono le perdite patologiche dai capezzoli in quantità rare, moderate o significative. Possono essere leggeri (sierosi) o avere il colore bianco latte, verdastro o marrone. Spesso in questi scarichi si determina un'impurità di sangue, che è sempre motivo di preoccupazione sia per il paziente che per il medico.

Molto spesso si verifica in singole formazioni con localizzazione subareolare. Nonostante il fatto che la maggior parte autori negano la possibilità di rinascita singoli papillomi in un tumore maligno, la diagnosi differenziale (in posizione centrale) con carcinoma papillare intraduttale della scarica sangue provoca molte difficoltà.

Con quantità significative di tumore possono essere definiti durante la palpazione corpo in forma di un indolore formazione elastica denso rotolamento arrotondata, con la pressione alla quale (se in subareolyarnoy Location Area) del capezzolo allocazione apparire. Dopo lo svuotamento, il volume dell'assieme potrebbe diminuire.

In alcuni casi, un infiltrato infiammatorio si sviluppa intorno al cistoadenopapilloma, seguito dalla formazione di spesse pareti fibrose. Di conseguenza, il tumore acquisisce una densità ancora maggiore, contorni e tenerezza più pronunciati.

Sulla base dei metodi diagnostici utilizzati per determinare la variante, la localizzazione e, spesso, la natura del tumore, viene effettuata la rimozione del papilloma intraprostatico della ghiandola mammaria.

La diagnosi si basa sui seguenti studi.

  • Studio di palpazione (sondaggio). Se la formazione si trova nel condotto principale e ha dimensioni considerevoli, allora viene definita nella zona areolare come un nodo densamente elastico, leggermente doloroso di forma arrotondata, quando schiacciato dal capezzolo, appaiono escrezioni patologiche. Nel caso dello sviluppo di processi infiammatori secondari in quest'area, si verifica un rigonfiamento doloroso dei tessuti.
  • Esame citologico (cellulare) dello striscio in presenza di secrezioni.
  • X-ray mammografia, ecografia o la risonanza magnetica, permettendo, se non in tutti i casi, per identificare o sospetta la presenza non solo del tsistadenopapillomy intraduttale centrale ma anche perifericamente trova. Questi metodi non permettono di vedere il corpo dei condotti del latte, e la mammografia è in grado di catturare solo i nodi con un diametro superiore a 0,5 cm. Tuttavia, essi aiutano nella diagnosi differenziale di papilloma intraduttale e il cancro al seno.
  • Doktografii, o galaktografii, che ha la massima informatività e valore pratico nel caso di decidere se esiste una formazione maligna, se è necessaria un'operazione per rimuovere il papilloma intraprostatico della mammella e in quale misura. Questo metodo consiste nell'introdurre una soluzione di contrasto a raggi X attraverso un catetere sottile nell'apertura principale del condotto del latte sul capezzolo. Dopo questo, viene eseguita una mammografia. Il radiogramma consente di vedere i condotti del latte e la violazione della loro architettura. Il valore diagnostico della tecnica è di circa l'87%. La presenza di cellule atipiche a seguito dell'esame citologico è una controindicazione per la conduzione di doktografii.
  • Esami del sangue per il marker del cancro del siero CA 15-3.

Papilloma intra-flusso del seno e gravidanza

In un certo numero di casi, in connessione con i cambiamenti ormonali nel corpo di una donna, la gravidanza può essere un fattore stimolante nello sviluppo del cistoadenopapilloma intra-flusso. Se quest'ultimo era già disponibile, ma la sua dimensione era piccola, la gravidanza può provocare una rapida crescita o trasformazione di un tumore benigno in un tumore maligno.

È quasi sempre difficile vedere anomalie in presenza di colostro o latte materno nelle ghiandole. L'affidabilità dei metodi di ricerca strumentale è estremamente bassa e la conduzione di doktografii in generale è impossibile.

Inoltre, la presenza di un tumore nei dotti del latte può comprometterne la pervietà e causare un ritardo nell'assegnazione del latte durante l'allattamento. Questo può contribuire allo sviluppo di un processo purulento (mastopatia) e portare alla necessità della sua risoluzione chirurgica.

trattamento

Il trattamento del papilloma intraprostatico della mammella viene effettuato solo chirurgicamente. Viene eseguito per resezione settoriale dell'organo. In questo caso, viene asportato il tessuto con condotti del latte patologicamente disturbati. Tale operazione viene eseguita per mezzo di un taglio di solito nella zona quasi aureolare, che non influenza la forma e le dimensioni della ghiandola. Ciò elimina la necessità di ricostruzione post-chirurgica dell'organo sotto forma di mammoplastica.

Dopo tessuto distante resezione settoriale ha durante il funzionamento viene sottoposto ad esame istologico di effettuare, se necessario, studi miopitelialnyh cellule e la membrana basale mediante tecniche immunoistochimiche che aiutano a stabilire la possibilità di trasformazione maligna del tumore rimosso. Quando si diagnostica il carcinoma intra-cellulare papillare, viene eseguita una mastectomia radicale.

L'esame clinico delle ghiandole mammarie, la diagnosi precoce dei papillomi benigni intraprostatici consente di evitare la possibilità di una loro malignazione o di individuare e rimuovere tempestivamente il tumore maligno.